Convegno Sport e Salute: la pratica sportiva moderata è la migliore prevenzione

L’attività fisica è l’arma più efficace a disposizione dell’uomo per difendersi dalle malattie. E’ quanto è emerso dal convegno Sport e Salute promosso dal Comune di San Giorgio del Sannio in collaborazione con l’Ordine dei Medici di Benevento, il cui Presidente Giovanni Pietro Ianniello ha sottolineato come la pratica sportiva protegga da molte patologie. “Mantenere un moderato livello di attività fisica – ha affermato il Presidente – tutela fra l’altro anche dall’insorgenza di alcuni tumori, in particolari quelli del polmone, del colon retto, della prostata, della mammella e dell’apparato riproduttivo della donna.

Di come l’attività fisica vada intesa come parte integrante di uno stile di vita salutare è stato anche il punto focale dell’intervento di Marino Scherillo – Primario della Cardiologia Clinica del Rummo. “Oltre a contribuire alla prevenzione di alcune tra le più diffuse patologie – ha dichiarato il Primario – facilita il mantenimento di un corretto peso corporeo e migliora il senso di benessere. Una moderata attività aerobica svolge un ruolo positivo sulla nostra salute, senza restrizioni di età, peso corporeo o capacità atletiche. Proprio per questo motivo è importante includerla tra le attività abituali e tenere sempre presente che i migliori risultati potranno essere ottenuti solo attraverso una pratica regolare nel tempo. Numerosi studi hanno dimostrato che l’attività aerobica d’intensità moderata, con più sessioni brevi di pochi minuti durante il giorno, è efficace per mantenere in salute il proprio corpo, facilita il mantenimento di un peso ottimale e aumenta il benessere fisico e mentale. Bastano 30 minuti al giorno di attività aerobica – come camminare, nuotare, ballare o andare in bicicletta – per iniziare a migliorare gradualmente le proprie condizioni fisiche.”

Infine il medico dello sport e responsabile dello staff sanitario del Napoli Alfonso De Nicola, ha preso in considerazione il giusto equilibrio fra la pratica sportiva e la condizione psico-fisica di ognuno. La “mania dello sport” è una tendenza comportamentale di eccesso che porta ad uno squilibrio nel rapporto con lo sport, che può evolvere in un abuso protratto della pratica sportiva e portare ad uno stato di “sovrallenamento”. Sarebbe necessario una correzione del programma quotidiano, effettuare i controlli di routine (previsti ormai per ogni disciplina sportiva) ma soprattutto una maggiore consapevolezza dei propri mezzi. Questo vale per tutti, anche per i bambini ai quali raccomando sempre di non perdere di vista il carattere ludico dello sport, mentre ai loro genitori dico di non farsi spaventare dall’inevitabile contusione.